Pizzo della Forcola (2265 m) – Val Vigezzo

Ricevuto invito dagli amici di andare al lago Panelatte ma solo all’ ultimo momento ho potuto dare mia partecipazione causa lavori a casa. Partiamo da Arvogno, scendiamo al fiume, poi Alpe Verzasco  e risalendo la lunga gradinata raggiungiamo Alpe Villasco, Alpe I Motti, Cappella S.Pantaleone e finalmente il Lago Panelatte. Saputo che Donato voleva pescare nel lago, anch’io ho portato la canna da pesca ma dopo due tentativi ho rinunciato e deciso di seguire gli altri che nel frattempo avevano raggiunto la Forcola di Larecchio e stavano sulla cresta per il Pizzo della Forcola. Ho allungato leggermente il passo e mentre arrivavo al piano, prima del ripido e impegnativo tratto finale, incontro gli amici che stanno scendendo, non fidandosi di procedere verso la vetta, e mi chiedono “cosa intendi fare?”…risposta: “vado sulla cima”. Marietto e Cinzia continuano a scendere mentre Giancarlo, Carlo e GianMario mi seguono e raggiungiamo insieme la vetta. Ci gustiamo il Panorama a 360° e decidiamo di scendere dal versante opposto e con un paio di tratti ripidini e un traverso raggiungiamo il sentiero che ci riporta al Lago Panelatte. Nel frattempo Donato ha preso qualche trota …complimenti…la classe non è acqua!!!. Vista l’ ora decidiamo di rientrare ad Arvogno e ripassando dall’ Alpe I Motti, poi Alpe Villasco, decidiamo di prendere il sentiero alto, non gradinato, più scorrevole e corto che ci porta all’ Alpe Borca, poi ripido e bel sentiero che ci fa raggiungere velocemente Alpe Verzasco e poi breve salita per Arvogno. Bella giornata in simpatica compagnia…abbiamo gran belle montagne! 

Amici della Montagna: Carlo-Cinzia-Donato-Flavio-Giancarlo-GianMario-Irmo-Marietto

Scarica
Traccia GPS – Statistiche Orux Maps

 

19,071 Visite totali, 1 visite odierne

4 commenti:

  1. Carlo Brambati

    Grazie Flavio, bel resoconto, anche fotografico, della bella giornata trascorsa insieme.
    Alla prossima

  2. castiglioni Eugenio

    Bella Veramente! Giornata piena di avvenimenti positivi!
    I luoghi straordidari, la pesca fruttuosa, la salita discesa della cima , la variante di ritorno che non ricordo d’aver mai fatto e, da non ultima la compagnia…..
    Buona Continuazione
    Ciao a Tutti

Rispondi a cappef Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *