Sasso Corbè (1066 m) – Pizzo d’ Omo (1070 m) – Alto Verbano-EMTB

Partiamo, mio fratello Ezio ed io da casa sua, con le nuove EMTB così le inauguriamo su un percorso più lungo e tecnico. Da Verbania per asfalto raggiungiamo Zoverallo e alla rotonda giriamo a sinistra per S.Martino. Al primo tornante andiamo a sinistra e poco dopo inizia il sentiero. Percorso stretto e ormai poco utilizzato…alberi a terra e abbastanza sconnesso. Arrivati a Bureglio, prima di una piscina, si sale a destra e per sterratone si raggiunge Bee. Su asfalto arriviamo a Pian Nava, poi Premeno e nel centro di Premeno a sinistra un cartello indica Tornicco. Lo si segue fino ad un bivio, dove si sale a sinistra sempre in salita, fino al termine dell’ asfalto. Si prosegue su sterrato e si raggiunge Sasso Corbè, dove finiscono gli impianti da sci. Discesa dalla pista ma con attenzione causa la brina e ghiaccio. Raggiungiamo l’ asfalto e siamo a Pian di Sole, attraversiamo la strada principale per proseguire verso il “Golf” , lo costeggiamo e vediamo di fronte lo sterrato, poi sentiero, molto ripido e sconnesso che porta al Pizzo d’Omo. Sul lato opposto al belvedere, parte un sentiero e dopo circa 20m si devia a destra e c’è un bellissimo sentiero, ben tracciato, nel bosco che porta a un incrocio con altri sentieri, prendiamo a destra, quello alto e proseguendo torniamo alla curva prima di Pian di Sole. Discesa fino a Pollino e poichè la batteria della mia bici è finita (non l’ ho caricata la sera prima) rinunciamo ad altre salite… sarebbero troppo faticose con questo mezzo (tutta esperienza!). Scendiamo su sterratone a Caronio e poi per asfalto raggiungiamo il traghetto…saluto il fratello e torno a casa…comunque soddisfatto.  

Amici della Montagna: Ezio-Flavio

Scarica
Traccia GPS – Statistiche Orux Maps

7,992 Visite totali, 2 visite odierne

6 commenti:

  1. È ora che qualcun altro si adegui, la fatica a salire esiste sempre, ma almeno la discesa te la gusti tutta con la concentrazione giusta, sempre che la batteria sia carica ….. peccato averla a 60anni ma farò in modo di sfruttarla il più possibile. E come dice Avio….. meditate gente, meditate…..
    Ciao a tutti !!!

    • Caro Fratellino, concordo sul fatto che, arrivando meno affaticato sulle salite, ti gusti di più e soprattutto affronti le discese più concentrato e sicuro.. ma non concordo sull’ età…cosa dovrei dire io che all’ alba dei 73 anni, avrò 13 anni meno di te per sfruttarla…dovrei trovare il modo di costringerti a portarmi sui monti! Vista l’ età, dovrei sicuramente, per esperienza recentissima, stare più attento che la batteria sia carica!!!!! Ciao Fratellino!

  2. Ciao,
    sono perfettamente d’accordo con Ezio e sono contenta che anche voi siate passati all’assistita che comunque richiede il giusto sforzo risparmiando di sottoporre il fisico a ad eccessivi per raggiungere la meta . . . . . Spero di poter condividere con voi qualche bella uscita. Un abbraccio e Aleghèr

    • Ciao Dani, ti/vi prendo di parola, ho un impegno ospedaliero prossima settimana ma appena potrò vi contatterò per qualche bel giretto sia sulla sponda magra che quella grassa. Come dici tu “in allegria” …e meno fatica!!! Ciao!!!!

  3. Dai ci conto e in bocca al lupo per il ricovero.

    A presto!!!

Rispondi a Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *