Sentiero “Scagnol”-Bugliaga-Val Divedro

Il sentiero “Scagnol” o del “Contrabbando” è stato molto utilizzato dagli “spalloni”, nel secolo scorso, per trasposto merce abusivamente. Il sentiero è molto ripido, selvaggio, con passaggi alquanto esposti e scivolosi in caso di pioggia (adesso è stato protetto con corde metalliche/catene) … da non sottovalutare.
Si parte da circa 500 metri dopo la Frontiera Italiana di Iselle direzione Gondo. Il sentiero è ben segnato…vi sono molti gradini ed alcuni addirittura scavati nella roccia. Passato il tratto roccioso, si entra in un bel bosco. Al termine del bosco siamo a Valdo dove ci fermiamo a salutare Amici, conosciuti 10 anni fa nella mia precedente escursione in zona. Superiamo l’alpeggio e ad un bivio voltiamo a sinistra per raggiungere Bugliaga Dentro. Anche questo agglomerato di case era un punto di arrivo di un’ altra via dei “Contrabbandieri”, altrettanto ripida, selvaggia ed esposta che partiva da Gondo. Breve visita all’ alpeggio, poi, per strada sterrata e asfaltata, raggiungiamo Bugliaga. Pausa pranzo e sempre per asfalto, procediamo verso Trasquera passando sopra al Ponte del Diavolo. Il Ponte del Diavolo, alto 100 metri, è stato costruito nel 1880 con armatura realizzata con un centinaio di larici e pare che per non smantellare la struttura, questa fu bruciata, creando un grosso rogo da cui pare provenga il nome. Dalla piazza di Trasquera parte il sentiero che, fino a qualche anno fa, era chiamato Sentiero del “Kirsch”  in quanto usato per trasporto del liquore prodotto a Trasquera grazie all’ abbondanza di ciliegi. Il sentiero passa per gli alpeggi Chiezzo, Pianezza per poi passare sopra il paese e la dogana di Iselle e in pochi minuti si ritorna alla macchina.
Bella gita da fare con molta prudenza e possibilmente con terreno asciutto.

Amici della Montagna: Avio-Carlo-Cinzia-Donato-Flavio

Download file: 2021-06-06-scagnol.gpx
Traccia GPS – Statistiche Orux Maps

 

 

 

 41,313 total views,  1 views today

4 commenti:

  1. GIORGIO CAPPONI

    Altra gita stupenda che resterà nei miei ricordi più cari. Bravo per averla riproposta e documentata come tuo solito con foto super. Per info: il Ponte del Diavolino non è più fattibile?

    • Ciao Giorgio…è sempre un piacere anche ritornare su posti conosciuti…bellissimi ricordi. Il Ponte del Diavolino penso sia ancora fattibile perchè i cartelli fatti a mano sono esposti. Volevo andarci ma un rifiuto e la non conoscenza della situazione attuale del percorso mi hanno bloccato e quindi ho fatto la strada asfaltata fino a Trasquera. Fossi stato con te e Claudio o altre persone (poche), ci sarei tornato. Dalla foto pare che abbiano messo protezioni. Ti ricordi quando per gioco l’hai attraversato di corsa…grande! A presto!

  2. Eugenio Castiglioni

    Bel ritorno Flavio con la tua Gang, su un tracciato davvero affascinante e impegnativo!Le foto l’ho dimostrano Complimenti a tutti !
    Ciao
    Eugenio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *